• domenica , 3 Marzo 2024

La storia del militare della Folgore che combatte un nemico invisibile: il Linfoma Non-Hodgkin

Conquista sempre più cuori Giancarlo Petronio, un militare della Folgore che combatte una dura battaglia contro un nemico terribile, che affligge il sistema nervoso

Pisa, 17 giugno 2023 – Si chiama  Giancarlo Petronio, è un orgoglioso militare di 44 anni, parte dell’Esercito Italiano presso il Centro Addestramento Paracadutismo della Brigata Paracadutisti “Folgore” a Pisa, e sta combattendo una dura battaglia contro il Linfoma non-Hodgkin al sistema nervoso centrale. Nonostante le previsioni mediche, Giancarlo non ha perso speranza e chiede il sostegno di tutti per continuare il suo coraggioso combattimento.

Giancarlo, marito devoto e padre di due bambini di 8 e 10 anni, è stato diagnosticato nel marzo 2020. La diagnosi è arrivata durante l’emergenza pandemica e ha significato l’inizio di cicli di chemioterapia e radioterapia, nonchè un intervento di biopsia cerebrale, che hanno lasciato il suo corpo duramente provato. A causa della localizzazione del tumore, le terapie alternative che Giancarlo aveva sperato di sperimentare in Italia non sono state possibili.

Fortunatamente, Giancarlo ha scoperto l’esistenza di terapie avanzate – la DCT Dendritic Cellular Terapy (l’Istituto I.E.O (Istituto Eupeo di Oncologia di Milano) e l’I.R.S.T (Istituto Romagnolo per lo Studio dei Tumori “Dino Amadori” – IRST IRCCS) in Fase di ricerca fino al 2022 e attualmente dal Maggio 2023 in sperimentazione, ma purtroppo per ragioni relative alla localizzazione in cui è situato il tumore, non è stato considerato un paziente candidabile e la Nanothermia, offerte in Spagna.

Ha già affrontato un primo ciclo di queste terapie innovative nel giugno 2022, e in Italia sta seguendo cicli di Terapia Disintossicante. Tuttavia, queste terapie non sono coperte dal Sistema Sanitario Nazionale e il loro costo è significativo.

Grazie alla generosità di amici, colleghi e donatori altruisti tramite una raccolta fondi su Gofound.me, Giancarlo è stato in grado di sostenere queste terapie.

Attualmente, sta seguendo una terapia disintossicante integrando intensi cicli di fisioterapia e palestra per migliorare la sua mobilità, seriamente compromessa dalla malattia, dalle cure e dall’intervento di biopsia cerebrale.

La lotta di Giancarlo non è finita.
Ha bisogno di tornare in Spagna per ulteriori cicli di Nanothermia e terapia Dendritica. Ma per farlo, ha bisogno del nostro aiuto.

I fondi raccolti stanno per esaurirsi e il vostro sostegno può fare la differenza.
Per contribuire alla battaglia di Giancarlo contro il Linfoma di non-Hodgkin, potete effettuare una donazione alla piattaforma Gofound.me all’indirizzo https://gofund.me/4ee62f05 oppure attraverso un bonifico bancario all’IBAN IT93C0347501605000318148939 – Ing Nv Bank Milano – Causale: Raccolta fondi 4ee62f05.

Unitevi a noi nel supportare Giancarlo nella sua battaglia. Ogni contributo conta, nessun aiuto è troppo piccolo.
E se proprio non puoi donare, aiuta a diffondere questa notizia sui tuoi canali social, sono sicuro che qualcuno che conosci potrà donare, a te non costa nulla e l’aiuto è importantissimo.
Uniti, possiamo aiutare Giancarlo a vincere questa lotta.

 

Related Posts

Leave A Comment