• martedì , 6 Dicembre 2022

La conservazione dei cibi in cucina, consigli professionali

Che si cucini a casa o in un locale, è indispensabile conoscere alcune regole di conservazione che potrebbero essere utili per tutti; è una questione di sicurezza per le persone. In aggiunta, se si ha un locale ci sono anche delle normative cui rispondere. Ogni professionista del settore sa quanto sia fondamentale seguire tutte le norme previste dal piano Haccp per rimanere in attività e non rischiare la chiusura della propria cucina professionale. Anche perché molti ristoratori, a seguito di ispezioni a sorpresa da parte dell’Asl o dopo segnalazioni di presunte intossicazioni, hanno dovuto pagare multe veramente salate per non aver seguito tali indicazioni.

Come evitare intossicazioni alimentari in cucina

Il passaparola si sa è quello che fa andare avanti una qualunque attività, ecco perché un commento, soprattutto nell’era dei social, potrebbe far chiudere un ristorante in men che non si dica. Ogni ristoratore sa quanto sia importante gestire la propria cucina al meglio in quanto un cliente quando va a mangiare da lui e affida la sua vita, per così dire, nelle sue mani. Un cibo mal conservato porta intossicazioni alimentari e altre patologie ben peggiori. Innanzitutto per prima cosa è buona norma occuparsi dello stoccaggio delle materie prime.

Ci sono regole precise a tale riguardo; per prima cosa nessun alimento, anche se chiuso, deve mai poggiare direttamente sul pavimento, ma deve essere sempre disposto sopra bancali alti almeno 20 cm. Gli alimenti devono essere divisi per conservazione, nel senso che ci saranno cibi che dovranno essere messi in frigo, altri in freezer e altri ancora in dispensa, ben chiusi e riparati dai raggi del sole. Bisogna seguire la regola del “Fifo”, cioè first in, first out; in poche parole, ogni alimento acquistato per primo, dovrà essere smaltito per primo, in modo da non avere mai merce scaduta, riducendo così inutili perdite.

In cucina tutto deve avere un ordine logico

Come dicevamo appunto in precedenza, in cucina è fondamentale che tutto sia sempre coordinato e ben programmato. Ogni piatto che si andrà a preparare dovrà essere ideato sempre con merce fresca e mai scaduta. Oltre a questo, è fondamentale disporre gli alimenti in modo da evitare che altri si contaminino. Le verdure, le quali saranno ancora sporche e da lavare, andranno disposte nell’ultimo ripiano del frigo, dove c’è anche la giusta temperatura per conservarle. Tutti quegli alimenti che potrebbero assorbire tali impurità, come per esempio le uova, andranno chiusi in appositi contenitori tutti debitamente segnati con funzionali etichette. Il frigo non dovrà mai essere troppo pieno per evitare che l’aria non circoli correttamente e che quindi gli alimenti si deteriorino con anticipo. Bisognerà poi dividere gli alimenti secchi, come per esempio legumi, pasta e riso che andranno disposti nelle credenze. Anche in questo caso dovranno essere sempre sigillate nelle loro confezioni, per evitare la comparsa di insetti e di muffa. Anche la pulizia in una cucina è fondamentale. Dovrà essere sempre scrupolosa, i contenitori e le stoviglie andranno sempre igienizzate e mai lasciate a prendere polvere sopra un tavolo, ma chiuse e coperte con strofinacci puliti. Piccole regole che vi faranno guadagnare il titolo di miglior ristorante della vostra zona.

Related Posts

Leave A Comment