• martedì , 22 Giugno 2021

Vetri oscurati: cosa dice la legge e quale tonalità scegliere

L’oscuramento dei vetri dei veicoli si ottiene mediante l’applicazione sui vetri di una particolare pellicola omologata. Oggi esistono alcuni veicoli che escono dalla concessionaria già con questi particolari vetri, ovviamente questo non significa che chi acquista un veicolo con vetri “semplici” non possa non oscurarli successivamente, nei limiti e nel rispetto della legge.

In genere l’oscuramento dei vetri viene effettuato sui suv, sui veicoli tuning ovvero personalizzati, sulle auto sportive ecc.

Questo però non implica che non sia possibile oscurare i vetri di una macchina utilitaria o di una macchina d’epoca, tutto dipende dalle proprie esigenze e dai propri gusti. I vetri oscurati infatti offrono sicuramente molti vantaggi, a prescindere dal tipo di macchina o dal livello di personalizzazione della stessa.

È possibile, infatti oscurare anche i vetri di un veicolo tutt’altro che sportivo o tuning, magari perché si vuol avere maggiore privacy durante la circolazione ad esempio. Per farlo occorre semplicemente rivolgersi ad una officina specializzata nell’ oscuramento vetri Roma, a Napoli, Milano, e in tutte le altre città d’Italia.

Aspetti legali collegati all’oscuramento dei vetri

In molti si chiedono se sia legale o meno oscurare i vetri del proprio veicolo, la risposta al quesito non può che essere positiva, tuttavia, è bene fare alcune precisazioni. Fino al 2002 non c’era nessun testo normativo che direttamente o indirettamente disciplinasse questo fenomeno, finalmente con la circolare ministeriale Prot. N. 1680/M360 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha fatto chiarezza sulla questione.

Più precisamente, è stato previsto che è possibile anche in Italia oscurare i vetri del proprio veicolo anche se non tutti. Infatti è possibile oscurare i finestrini posteriori, il lunotto posteriore ma non è possibile oscurare i finestrini anteriori e il parabrezza, per questioni di sicurezza.

Nel caso in cui vengano oscurati anche questi finestrini, il proprietario del veicolo è esposto ad un’ammenda pecuniaria di euro 80 e potrebbe avere seri problemi nel superare la revisione del veicolo stesso.

Le diverse tonalità

Quando si decide di oscurare i finestrini del proprio veicolo è possibile anche scegliere tra le varie tonalità disponibili. Se si ha intenzione di oscurare al massimo i finestrini, allora è consigliabile optare per la pellicola oscurante 05.

Con la suddetta tonalità è possibile ottenere la privacy totale nel veicolo, dall’esterno infatti non sarà possibile vedere nulla, mentre dall’interno è possibile comunque guardare all’esterno. Sono leggermente meno oscuranti, le pellicole 15. Queste pellicole infatti garantiscono un oscuramento parziale e non totale dei finestrini. Dall’esterno infatti è possibile intravedere in modo parziale le sagome dei sedili e i profili di chi ci sono seduti sopra.

Tuttavia, riescono comunque a garantire un ottimo livello di privacy. Il tutto ovviamente varia anche a seconda della luminosità della luce esterna. Ancora meno scure sono le cosiddette pellicole oscuranti 20. Tale tonalità si avvicina moltissimo all’oscuramento dei vetri di serie, ovviamente questo non significa che sia meno efficiente delle altre.

Con tale pellicola non è possibile ottenere l’effetto privacy nel veicolo, tuttavia, rappresenta un ottimo compromesso per chi non vuole un oscuramento totale dei finestrini. Ovviamente esistono anche altre tonalità meno scure, molto utili per tutti coloro che desiderano non dare nell’occhio e al tempo stesso vuole avere una protezione solare sui vetri.

Related Posts

Leave A Comment