• martedì , 19 Ottobre 2021

Test Covid saliva Vs Tampone naso faringeo

Il test covid saliva generalmente non viene utilizzato, ma può essere più accurato
del del tampone naso faringeo
se i campioni vengono elaborati correttamente. L’utilizzo di un tipo di campione
ottimale e di un metodo di raccolta e trattamento semplice è un requisito
fondamentale per rilevare il COVID-19.
Sebbene vari test come lavaggio broncoalveolare, espettorato, saliva, feci, sangue e
tamponi nasofaringei (NPS) siano stati utilizzati per rilevare la presenza di
COVID-19, il tampone naso faringeo è diventato il metodo preferito. Sebbene la
raccolta di campioni di saliva sia meno invasi del tampone naso faringeo, la
presenza di muco o anche di sangue all’interno dei campioni di saliva rende più
difficile l’elaborazione in laboratorio.
Inoltre ci sono apparenti incongruenze nella sensibilità di rilevamento che
rappresenta un ulteriore problema con l’utilizzo di campioni di saliva Alcuni studi
mostrano che la saliva è più sensibile del tampone naso faringeo mentre altri studi
hanno dimostrato che i campioni di saliva erano meno sensibili.Il Dipartimento di
Patologia e Medicina, Medical College, Georgia, Stati Uniti, ha sviluppato un’ulteriore
fase di elaborazione utilizzando un omogeneizzatore nel tentativo di migliorare
l’attuale metodo di preparazione del campione,
Lo studio è stato condotto in due fasi. Nella prima fase, utilizzando campioni
accoppiati di tampone naso faringeo e saliva provenienti da comunità e strutture
sanitarie, il team del Dipartimento di Patologia e Medicina ha analizzato i campioni
accoppiati utilizzando metodi PCR convenzionali.
In secondo luogo utilizzando coppie di campioni abbinati sono stati analizzati
nuovamente ma questa volta, prima dell’estrazione dell’RNA per il test PCR, i
campioni di saliva sono stati elaborati con un ulteriore passaggio di
omogeneizzazione. Inoltre, 85 campioni di saliva sono stati testati in modo
indipendente utilizzando entrambi i metodi.
ECCO I RISULTATI
Su 240 campioni analizzati nella prima fase, il 28,3% (68 su 240) è risultato positivo
sia da saliva che da tampone naso faringeo. Tuttavia, il tasso di rilevamento di
COVID-19 era significativamente più alto nei campioni naso faringei rispetto alla
saliva (89,7% vs 50%, p <0,001). Nella seconda fase, con la seconda fase di
omogeneizzazione, il tasso di rilevamento per i campioni di saliva era
significativamente più alto rispetto ai campioni NPS (97,8% vs 78,9%, p <0,001).
Durante il test degli 85 campioni di saliva con entrambi i metodi, il tasso di
rilevamento è stato del 100% utilizzando il protocollo dell’omogeneizzatore ma solo
del 36,7% utilizzando il metodo originale.

Related Posts

Leave A Comment