• martedì , 11 dicembre 2018

E’ nata l’Accademia del mondo delle intolleranze alimentari

E’ stata inaugurata il 12 ottobre l’Accademia del mondo delle intolleranze, una vera e propria bussola per orientarsi per tutti gli intolleranti, nonchè struttura di riferimento per tutti coloro che vogliono promuovere il benessere e la salute nell’ambito delle intolleranze alimentari.

Alla conferenza stampa che ha preceduto l’inaugurazione dell’Accademia hanno partecipato nutrizionisti, esperti di settore, nonchè chef e aziende, tutti presenti per sostenere questo progetto innovativo, portato avanti dall’ associazione “Il mondo delle Intolleranze” e progettato e realizzato da Tiziana Colombo, proprietaria del blog Nonnapaperina.it specializzato in ricette di cucina per intolleranze alimentari, in particolare modo intolleranti al glutine, lattosio e nichel. L’inaugurazione formale dell’Accademia è avvenuta per mano del  sindaco di Cavenago Francesco Seghi e del Direttore di “Italia a Tavola” Alberto Lupini.

Inaugurazione Accademia del mondo delle intolleranze

Un’accademia dove la teoria va a braccetto con la pratica

Si tratta di un progetto unico nel suo genere, in quanto prima dell’Accademia del monto delle intolleranze non esisteva una scuola per i professionisti che abbinasse alla parte teorica anche dei laboratori dove gli chef potessero sperimentare concretamente la cucina pro intolleranti. Le lezioni pratiche diventano fondamentali in caso di attività artigianali direttamente collegate alla lavorazione di prodotti per intolleranti, come ad esempio i laboratori artigianali di alimenti senza glutine.

L’Accademia del mondo delle intolleranze  nasce con l’intenzione quindi di divenire  punto di riferimento per tutti coloro che per motivi personali o lavorativi, si trovano ad approfondire il tema delle intolleranze alimentari, di interesse di sempre più persone.

Il fenomeno delle intolleranze alimentari interessa da vicino anche il mondo dell’infanzia

Le intolleranze alimentari si sviluppano fin dai primi anni di vita, da qui l’importanza per i genitori, ma anche per tutti coloro che lavorano nelle mense scolastiche di essere formati su questo importante tema, al fine di offrire ai bambini piatti sì sani, ma anche gustosi.

In proposito la Dottoressa Mapelli Manuela, è intervenuta durante la conferenza stampa presentando uno squarcio del panorama del fenomeno delle intolleranze alimentari riscontrabile fin dai primi anni di vita e quindi fonte di apprensione per genitori e scuole che erogano il servizio mensa.

La ristorazione in prima fila per affrontare il fenomeno delle intolleranze alimentari

Alla conferenza stampa è intervenuta anche Sonia Re, Direttore APCI, Associazione Professionale Cuochi Italiani che ha affermato che la ristorazione ha un importante ruolo nell’affrontare il fenomeno delle intolleranze alimentari, affermando che non si tratta di una moda ma una necessità e pertanto è opportuno che i ristoratori si formino su questo tema e facciano allo stesso tempo opera di informazione nei confronti della clientela.

Tutto ciò che si può realizzare all’interno dell’Accademia

L’Accademia è stata strutturata come un polo multifunzionale in modo da poter soddisfare molteplici esigenze. Ecco tutti i  servizi e di tutto ciò che si può realizzare negli spazi dell’accademia:
– corsi di cucina amatoriali e per professionisti
– seminari su alimentazione e stili di vita sani tenuti da medici e professionisti del settore
– showcooking
– serate a tema
– catering e banchetti
– biblioteca
– shooting fotografici
– presentazioni di prodotti aziendali
– team building
– cene aziendali con servizio catering
– sala conferenze per 40 persone

Dove si trova l’Accademia del Mondo delle Intolleranze

L’Accademia del Mondo delle Intolleranze si trova a Basiano nella provincia di Milano e si prefigge di dare un supporto a  a 360° a tutti coloro che soffrono di intolleranze, ma anche nei confronti di chi è attento alla propria salute e benessere e vuole tenersi costantemente aggiornato,  e di tutti coloro che si interessano alle intolleranze alimentare per motivi di lavoro.

 

Related Posts