• martedì , 19 Ottobre 2021

Le migliori tipologie di olio di neem solubile

Scopriamo le caratteristiche dell’olio di neem solubile e tutto ciò che bisogna sapere su questo prodotto del tutto rivoluzionario.

Che cos’è l’olio di neem solubile?

L’olio di neem è un prodotto naturale le cui proprietà si sposano alla perfezione con le esigenze più disparate, a prescindere dal contesto di utilizzo.

Tra le tante tipologie presenti in commercio, l’olio di neem solubile è sicuramente uno dei più diffusi, in quanto è una sostanza multiuso che trova semplice occupazione in vari campi.

L’olio di neem deriva dalla spremitura a freddo dei semi di una pianta nota come Azadirachta Indica e, successivamente, il prodotto viene filtrato al carbonio per essere purificato al meglio.

Benefici e proprietà dell’olio di neem

Come abbiamo detto più volte, l’olio di neem viene utilizzato in diversi campi poiché si tratta di una sostanza dalle molteplici proprietà e dalle grandi potenzialità.

Esso viene impiegato in diversi trattamenti cosmetici, negli shampoo, nelle creme e in tutti quei prodotti che possono comportare il benessere estetico di una persona.

Grandi risvolti si hanno soprattutto per quanto riguarda la pelle, poiché l’olio di neem riesce non solo a contrastare l’insorgenza di piaghe rughe, cicatrici e smagliature, ma può idratare la pelle e ammorbidirla nel caso in cui questa sia secca.

Può inoltre rigenerarla attraverso l’eliminazione di tossine ed elementi di scarto che potrebbero comprometterne l’aspetto.

Questo olio può anche essere utilizzato per alcuni problemi specifici come la forfora, l’acne, l’herpes, i funghi e perfino la psoriasi.

I campi di applicazione dell’olio di neem non riguardano esclusivamente la cosmetica, ma anche diversi tipi di interventi che possono rivelarsi molto importanti.

L’olio di neem solubile è infatti molto adatto per creare delle soluzioni repellenti in grado di allontanare insetti e zanzare.

È un valido antiparassitario e può contrastare anche l’azione delle pulci e delle zecche verso gli animali domestici.

Possiamo quindi descrivere l’olio di neem come una sostanza lenitiva, rigenerante ed emolliente, che però deve essere associata ad oli essenziali in quanto utilizzarla pura potrebbe risultare estremamente sgradevole a causa del suo aroma, che risulta essere molto forte e a tratti perfino fastidioso.

Come utilizzare l’olio di neem solubile contro gli insetti?

L’olio di neem solubile è uno degli ingredienti impiegati maggiormente nel settore dell’agricoltura, in quanto riesce a respingere moltissimi insetti che potrebbero danneggiare il raccolto o risultare potenzialmente pericolosi per gli animali domestici e l’uomo.

Le zanzare sono una delle minacce più diffuse per l’uomo, in quanto si tratta della prima causa legata alla trasmissione della malaria in tutto il mondo.

L’olio di neem riesce a respingerle in maniera molto efficace, soprattutto qualora questo venisse diluito con dell’acqua e posto nelle vicinanze di porte e finestre di casa, in modo da impedire l’accesso degli insetti all’interno della stessa.

Grandi risultati anche per quanto riguarda gli afidi, ovvero i piccoli pidocchi che solitamente troviamo sulle foglie delle piante e che potrebbero danneggiarle in maniera piuttosto grave.

Questi piccoli animaletti infatti, possono non solo minare le foglie delle piante, ma compromettere la loro capacità di mettere in atto la fotosintesi clorofilliana, impedendo così l’apporto di nutrienti al vegetale, che rischia così di morire.

Anche gli acari possono essere trattati con l’olio di neem solubile, in quanto la sua funzione riesce a respingere la loro proliferazione e ad arrestarne la diffusione.

Questi infatti si generano dalla polvere e sono molto difficili da individuare ad occhio nudo, ed è quindi per questo motivo che è impossibile procedere alla loro eliminazione in altro modo.

Anche le lumache possono essere allontanate da questa sostanza.

L’olio di neem solubile in agricoltura

L’olio di neem solubile è fondamentale anche per il trattamento delle colture, in quanto riesce a respingere la maggior parte dei parassiti che potrebbero danneggiare il raccolto compromettendone la qualità.

Esso viene utilizzato al posto dei pesticidi chimici che, anche se sono molto efficaci per quanto riguarda l’allontanamento degli insetti, possono risultare tossici e nocivi per l’uomo qualora non venissero eliminati alla perfezione.

Per utilizzare l’olio di neem in campo agricolo è bene diluirlo rispettando le indicazioni riportate sul prodotto anche se, nella maggior parte dei casi, è bene diluire un litro di prodotto in dieci litri di acqua, al fine di rispettare le proporzioni ideali al raggiungimento di questo scopo.

Per ottenere dei risultati migliori è consigliabile spruzzare l’olio di neem solubile sui vegetali da trattare nella fascia serale, poiché è proprio in questo momento della giornata che le temperature scendono, limitando i casi dove il calore possa alterare le proprietà della sostanza.

Per far sì che il prodotto ottenga gli effetti desiderati è necessario applicarlo per più giorni.

Allo stesso modo però, può anche essere utilizzato per annaffiare le piante, poiché irriga il terreno regalando delle sostanze nutritive che verranno assimilate in maniera indiretta dai vegetali e che si riveleranno fondamentali per la crescita degli stessi.

Ricordiamo che l’olio di neem è un prodotto completamente naturale e, come tale, non è per niente inquinante, ragione per la quale non si deve temere in alcun modo l’insorgenza di danni nei confronti delle piante o del terreno.

Quali precauzioni prendere prima di ricorrere all’ olio di neem solubile?

Come per ogni altro prodotto, è bene prendere in considerazione dei piccoli accorgimenti per godere appieno delle potenzialità della sostanza.

In primo luogo è fondamentale rispettare le dosi e le proporzioni del prodotto solubile e applicarlo in baso a quanto riportato sulle confezioni del prodotto.

Non bisogna inoltre utilizzare il prodotto in maniera diretta sugli animali, ma diluirlo e applicarlo sul pelo laddove esso non possa essere raggiunto dalla lingua dell’animale, in quanto l’olio di neem solubile può essere tossico se ingerito.

È fondamentale evitare di esporre questa sostanza a temperature troppo alte, ed è proprio per questo che è consigliabile nebulizzarlo alla sera dopo il tramonto.

Possiamo però dichiarare che, nella maggior parte dei casi, l’olio di neem solubile può essere diluito con altri prodotti senza che questi vadano ad alterarne le qualità.

Solitamente è bene scegliere le sostanze con cui miscelare il prodotto sulla base delle esigenze e del risultato che si vuole ottenere, anche se non esiste alcuna controindicazione in merito a questo procedimento.

Related Posts

Leave A Comment