• mercoledì , 21 novembre 2018

In che modo la pubblicità televisiva aiuta il tuo marketing digitale

Adometry di proprietà di Google è uscito con un comunicato che offre “I 5 modi migliori per amplificare la pubblicità televisiva con il mondo del digitale.”

Come ci si aspetterebbe, è molto focalizzato sui prodotti di analisi pubblicitaria e di dati che Google vende, ma riconosce che “quando arriva al marketing, la televisione è ancora lo schermo più influente della casa “, con il 42% di tutte le spese pubblicitarie, 78,8 miliardi di dollari l’anno.

Ma in un mondo multischermo, Adometry ha dichiarato che “l’esecuzione di pubblicità televisiva e / o digitale separate è una mancanza di strategia”.

Infatti il 90% dei consumatori è impegnato con un secondo schermo, spesso tablet e telefoni cellulari, mentre guarda la TV.

Il comunicato rileva che il 66% degli utenti di smartphone riferisce di rivolgersi al proprio telefono per cercare qualcosa che hanno visto in uno pubblicità televisiva. Questo è il momento in cui l’allineamento di una pubblicità televisiva con il digitale può ripagare in grande.

Non si può discutere con questa logica, ma come può, un marketer rendere effettiva questa opportunità a doppio schermo?

  • Innanzitutto, allineare la creatività tra i canali: “Non lasciare che una presentazione di brand incoerente o messaggistica incoerente crei un’impressione di marchio scadente nella mente dei tuoi consumatori.”

    Citando un caso in cui un prestatore nazionale ha utilizzato il prodotto dati Attribuzione TV di Adometry per analizzare le prestazioni attraverso spot televisivi, reti, dayparts… il rapporto afferma di aver scoperto che le pubblicità televisive tipiche hanno generato un tasso di risposta del brand pari allo 0,002%.

    Tuttavia, il marchio pubblicizzava un concorso di alto profilo, però il tasso di risposta era scadente.

  • Il secondo consiglio è quello di “potenziare i consumatori con la ricerca mobile”. Sapendo che gli spot televisivi ispireranno le ricerche su dispositivi mobili, Adometry suggerisce di utilizzare i segnali contestuali per offrire un’esperienza fatta su misura per il momento.
  • Terzo è collegare TV e dati digitali per ottimizzare il ROI.

    Adometry afferma che il suo prodotto di attribuzione TV è molto più veloce dell’attesa di un anno per un report Marketing Mix Modeling (MMM) o mesi, per i dati panel e di indagine.

  • La prossima è vecchia quasi quanto la pubblicità: trova e indirizza il tuo pubblico migliore.

    La moderna elaborazione dei dati lo rende una scienza più precisa, infatti Adometry rileva che una società di apparecchi acustici si è sentita sicura che il suo target di riferimento fossero i consumatori negli anni ’70 e ’80, ma i dati di risposta hanno scoperto che erano in realtà i loro figli adulti ad acquistarli apparecchi acustici.

  • E il consiglio finale: considera come il consumatore pensa davvero. Ancora una volta, i dati aiutano. I segnali digitali, come le parole che i consumatori usano nelle query di ricerca, offrono approfondimenti risparmiando tempo e denaro rispetto a sondaggi o studi tradizionali.

Related Posts