• martedì , 26 settembre 2017

Pittura ad olio, come scegliere il pennello giusto

La pittura ad olio può essere un hobby molto appagante, un modo per passare il tempo liberando la fantasia e la creatività, ma per poter dare vita alle proprie opere è fondamentale scegliere accuratamente i pennelli.

Prima di acquistare i pennelli in uno dei negozi di vendita materiali belle arti, bisogna conoscere i vari tipi in commercio e scegliere quelli giusti, attraverso un ragionamento chiaro e uno scopo preciso.

Infatti, la cosa importante per i pennelli per la pittura ad olio è che devono rispondere a determinati criteri, si inizia dalla ghiera, ovvero, quella parte metallica che unisce manico e pelo, questa non deve avere saldature e il materiale deve essere in ottone nichelato per evitare che si arrugginisca.

Il manico deve essere in legno laccato o verniciato, mentre la fibra del pennarello può essere di pelo di animali o di materiale sintetico a seconda delle proprie esigenze, anche se si consiglia il primo che è nettamente di qualità migliore.

Il pennello con setola cinese è sicuramente uno dei pennelli indispensabili per la pittura ad olio, viene chiamato così perché interamente realizzato con setole di maiale cinese, è un pelo versatile che prende bene il colore.

Altro pennello di buona qualità è quello di pelo di martora rossa che può sostituire quello realizzato con pelo di maiale cinese, viene usato soprattutto per i particolari e i dettagli.

Un pennello che va bene per diverse tecniche pittoriche ed è molto economico è quello di pelo di bue di colore bruno, che è uno dei più utilizzati per la pittura ad olio; è molto elastico e dura a lungo, con questo pennello si realizzato solitamente le parti più grandi dei quadri ed è ottimo per i colori acrilici.

Generalmente, il pennello di pelo di bue ha il manico lungo e il pelo morbido, per cui assicura elasticità e assorbenza, andandosi a posizionare tra i migliori pennelli per la pittura ad olio.

Infine, esiste il pennello con pelo di filamenti sintetici, ha setole in fibre di poliestere, molto simile al pelo di martora ma costa di meno, per cui potrebbe essere una buona opzione nel caso non si voglia spendere troppo; tanti artisti scelgono quest’ultimo perché le setole sono ottime e rendono bene, inoltre, risparmiamo decisamente buone cifre ed evitano di utilizzare strumenti realizzati con pelo di animale.

Insomma, ora avete tutte le informazioni necessarie per ragionare sul tipo di pennello di cui avete bisogno per iniziare a dipingere su tela.

Related Posts